BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti rendimento 3%: i migliori a confronto

I conti che offrono i migliori rendimenti. Quali scegliere



Qualche settimana fa era esplosa la ‘protesta’ dei consumatori costretti a pagare per ritirare il proprio denaro allo sportello. In quella occasione l’Abi aveva risposto invitando le banche ed eliminare tali costi che potevano talvolta arrivare a toccare anche i 3 euro. Ciò che ora pone dalle due parti della barricata banche e correntisti sono i rendimenti.

Mentre alcune offrono tassi bassi, ci sono anche conti correnti ad alto rendimento, che possono arrivare fino al 3%. L’ultimo in ordine di arrivo è quello di Credem, che va a far compagnia alle offerte di Webank, Ing, Bpm, Barclays, Poste. Da uno studio sui diversi tipi di conto, ne risultano 13 con tassi superiori allo 0,50%. La media è del 2% lordo, cioè l’1,46% netto e il costo medio annuo per le famiglie con operatività media, in questi 13 conti, è di 50 euro.

Di questi conti analizzati, sei sono di banche con gli sportelli, e sono Credem, Barclays, Banco Desio, Bpm, Creval, CheBanca!, e sette sono online, Websella.it, Conto corrente Arancio, BancoPosta Click, l’impertinente Conto Fico di Banca Etruria, Webank, Fineco e IwBank.

In cima alla classifica, con il 3% lordo (2,19% netto) troviamo Barclays Bank con il conto Barclays 3% Plus; Credem con Nonsolotre che offre il 3% solo per giacenze fra 15 mila e 75 mila euro però; e Webank con l’omonimo conto corrente. A seguire troviamo con il 2,5% lordo, i conti correnti di CheBanca!, Banca Sella con Websella.it, Banca Etruria, Ing con il Conto corrente Arancio al 2,40%

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il