BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Detrazioni 730 2011 spese mediche, mutuo, affitto: istruzioni e documenti

Come richiedere le detrazioni nel 730. Quali sono e a chi spettano



Arrivo il tempo della dichiarazione dei redditi per i contribuenti con la compilazione del modello 730 2011, che potrà essere consegnato tramite sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), dal C.A.F., o professionista abilitato, e i termini ultimi di presentazione del modello prevedono due date: la prima scadenza è riservata a chi presenta il modello 730 2011 al proprio sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente pensionistico), mentre la seconda è riservata a chi presenta il modello a un C.A.F. o a un intermediario abilitato, come un commercialista.

In base alla modalità di presentazione che si sceglie, i termini di consegna sono stati fissati per sabato 30 aprile 2011 (se il modello è presentato al proprio sostituto d'imposta) e per martedì 31 maggio 2011 (se il modello è presentato a un CAF o a un professionista abilitato).

Da quest’anno, il contribuente potrà presentare telematicamente la dichiarazione al suo sostituto d'imposta che, a sua volta, lo invierà online. Il modello 730 prevede la compilazione dei quadri relativi ai principali sconti fiscali, dalla detrazione 36% per le ristrutturazioni edilizie agevolate alla detrazione 55% agli interventi volti al risparmio energetico.

Per usufruire delle detrazioni, è necessario seguire per ogni detrazione le regole previste dal Fisco, che agevola le imposte da pagare i contribuenti che si trovano in difficili condizioni familiari o di reddito.

Le detrazioni previste sono legate al reddito, come le detrazioni per redditi di lavoro dipendente o per redditi da pensione; le detrazioni legale alla composizione del nucleo familiare, oltre che al reddito, come le detrazioni per familiari a carico; e le detrazioni applicate in misura percentuale al volume di spesa per gli oneri sostenuti, come detrazioni d’imposta dal 19% al 55%.

La richiesta dell’applicazione mensile in busta delle detrazioni per reddito di lavoro dipendente, per familiari a carico, per canoni di locazione e per oneri permetterà di usufruire delle stesse mensilmente.

Per la richiesta bisogna presentare ogni anno al datore di lavoro un modulo detrazioni e il datore di lavoro o l’ente pensionistico consegnerà poi al lavoratore il modello CUD, che contiene le cifre dell’applicazione dell’imposta Irpef e delle detrazioni. Sono previste detrazioni del 19% del costo sostenuto per quanto riguarda le spese sanitarie (per le somme eccedenti 129,11 euro), per le quali è necessario conservare lo scontrino; le spese sanitarie sostenute per i disabili, che comprendono anche le spese per l’acquisto di veicoli per disabili, la cui detrazione è usufruibile per una sola volta ogni quattro anni e può essere ripartita sempre in quattro anni e che comprende anche l’eventuale acquisto di cani guida.

Detrazioni del 19% anche sugli oneri sostenuti per i mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale o per l’acquisto di altri immobili o per le spese di intermediazione immobiliare; per gli interessi sui mutui per la costruzione dell’abitazione principale o per i prestiti o mutui agrari.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il