BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Conti Deposito legati a polizze e prodotti finanziari 2011: Banca Mediolanum, Fideuram e Ugf

Le migliori offerte Conto Deposito 2011



E’ un conto bancario ad elevato rendimento, garantito dal Fondo di tutela dei depositi, e conveniente perchè offre rendimenti più elevati rispetto ai tradizionali conti correnti bancari e rispetto a investimenti come Bot o Buoni Fruttiferi Postal, perchè le somme depositate possono essere prelevate in qualsiasi momento, e perchè non ci sono spese di attivazione, gestione, chiusura e bollo.

Si tratta dei conti deposito che spesso sono legati a polizze o altri prodotti finanziari. Secondo le stime di Eurisko, Banca d’Italia e Abi, sono circa 2-2,5 milioni i conti di questo tipo su 35 milioni complessivi, anche legati appunto a prodotti finanziari, come polizze vita o pronti contro termine e sono depositi che possono rendere fino al 3% lordo senza necessariamente vincolare il denaro per un periodo.

Questa categoria di Conti comprende le offerte di Banca Mediolanum, Banca Fideuram e Ugf Banca, che rendono ai tassi più elevati in media l’1,73%, a fronte di un Isc, l’Indicatore sintetico di costo annuo per famiglia media, di 89,65 euro.

Il conto Freedom della Banca Mediolanum offre il 3% lordo ai nuovi clienti, per giacenze oltre ai 15 mila euro, se abbinato alla polizza vita a capitale protetto Mediolanum Plus. Il conto ha un costo annuo indicativo di 32 euro e si può sottoscrivere fino al 31 marzo.

Banca Fideuram offre un rendimento del 2% lordo con il conto Plus IV, fino al 30 settembre a chi sottoscrive prodotti di risparmio gestito per almeno 100 mila euro. Il costo medio annuo del conto oscilla fra i 12 euro (online) e i 49,90. Ugf Banca, infine, offre il conto Formula Top che rende al lordo il 2%, per i nuovi clienti e con giacenze fino a 50 mila euro. Ma l’offerta vale solo per tre mesi dopo l’apertura del conto, poi il tasso attivo scende all’1,255%. Il costo annuo di questo deposito è di 206 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il