BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nuovi amministratori delegati società pubbliche:nomine 2011 per Eni,Enel,Poste Italiane,Finmeccanica

I possibili candidati alla guida delle grandi società. I nomi



Alla vigilia delle nomine nei grandi gruppi pubblici, dall'Eni all'Enel, a Poste Italia, a Finmeccanica a Terna, ecco arrivare i primi nomi. Secondo Mediobanca, Eni ed Enel sono al primo e secondo posto per fatturato 2009 tra i gruppi italiani. Finmeccanica è quinta, le Poste ottave e Terna è 102ma.

Per queste società, il nome di Profumo è candidato al cda Eni nella lista dei fondi di Assogestioni. Tutti i manager che stanno per arrivare al termine del loro mandato avevano ricevuti i loro incarichi dal governo Berlusconi.

Nel 2008, Berlusconi si era reinsediato da poco quando sono stati confermati per il secondo triennio Paolo Scaroni alla guida dell'Eni e Fulvio Conti all'Enel, Pier Francesco Guarguaglini e Massimo Sarmi erano da sei anni alla guida di Finmeccanica e Poste, come i presidenti dell'Eni Roberto Poli e dell'Enel Piero Gnudi, e Flavio Cattaneo guida Terna dal 2 novembre 2005, con il presidente Luigi Roth.

Mentre alcune voci confermano i ruoli attuali, il Tesoro dovrà comunque ufficializzare le liste dei candidati entro il 4 aprile per Eni, Enel e Finmeccanica, mentre per Terna c'è tempo fino al 16 aprile. In questo quadro, politico economico di scelte di gruppi guida, la Lega preme per avere posti, a partire dalla candidatura di Danilo Broggi, 51 anni, amministratore delegato di Consip, la società per gli acquisti centralizzati dello Stato, e che Lega vorrebbe alle Poste. Guarguaglini, attuale presidente e a.d. di Finmeccanica, potrebbe rimanere presidente, ma il suo ruolo potrebbe essere anche insidiato da altri.

Il candidato di punta come amministratore delegato è Giuseppe Orsi, a.d. di AgustaWestland, appoggiato dalla Lega. Candidati anche il direttore generale Giorgio Zappa e Giuseppe Zampini, che ha fatto bene all'Ansaldo Energia, e il condirettore generale, Alessandro Pansa, ben visto dal direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli. Anche Luigi Roth, presidente di Terna, potrebbe aspirare a una presidenza da Finmeccanica all'energia. Conti Scaroni non sembrano rischiare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il