BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sbarchi a Lampedusa 2011: chi fugge dalla guerra può rimanere in Italia secondo Cassazione

Nuova sentenza Cassazione sugli immigrati: cosa prevede



Continua l’emergenza immigrati a Lampedusa. Su una popolazione locale di circa sei mila abitanti, gli immigrati provenienti dalla Libia sono oltre 5 mila. Di essi qualche centinaio è stato imbarcato sulla nave San Marco diretta in altre destinazioni italiane, ma l’emergenza sull’isola continua.

E cresce la paura che tra gli immigrati possano nascondersi anche terroristi. Sulla questione immigrata si è pronunciata anche la Corte di Cassazione, che ha affermato il principio secondo cui quando non esistono tutte le prerogative per il riconoscimento dello status di rifugiato, resta comunque possibile una soluzione temporanea di protezione di tre anni.

La Corte ribadisce no alla concessione generalizzata della protezione internazionale nei confronti degli immigrati, ma fissano specifici criteri per cui bisogna riconoscere comunque all'immigrato il diritto alla protezione, anche quando non sussistono tutte le prerogative per il riconoscimento dello status di protezione internazionale.

In particolare, secondo la sesta Sezione civile, per ottenere una protezione di questo tipo non bastano problemi locali, ma essi devono essere ricollegati ad una situazione generale di disordini in un determinato paese.

La sentenza della Cassazione introduce inoltre nuove misure per i diritti per l'accesso al lavoro, allo studio e alle prestazioni sanitarie. La sentenza nasce da caso di un cittadino del Burkina Faso che ha chiesto la protezione internazionale al nostro Paese, perchè  costretto ad abbandonare il suo villaggio a causa di scontri violenti legati all'elezione del capo villaggio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il