BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Gestione rapporto lavoro Colf e versamento contributi: tutto online dal 1 aprile. Regole e Novità

Nuovo servizio telematico Inps: come funziona e a cosa serve



Dal prossimo primo aprile, il rapporto di lavoro domestico per colf potrà essere gestito esclusivamente online, novità che dovrebbe semplificare la vita ai datori di lavoro. Secondo quanto comunicato dall’Inps gli interventi previsti riguarderanno la gestione del rapporto di lavoro e il versamento della contribuzione.

 Per quanto riguarda le comunicazioni obbligatorie di assunzione, le trasformazioni, le proroghe e le cessazioni, il cittadino dovrà operare attraverso la sezione Servizi online del sito internet dell'Inps.

Nel caso di omessa o ritardata comunicazione, il datore di lavoro dovrà pagare una sanzione amministrativa che va da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore interessato: i termini sono le 24 ore del giorno antecedente l'inizio del rapporto di lavoro per comunicare l'assunzione e i 5 giorni dall'evento per le variazioni.

I datori di lavoro dovranno prestare attenzione ai vari passaggi, a partire dalla fase di instaurazione del rapporto: sarà bene procedere solo dopo aver sottoscritto il contratto di lavoro, perché eventuali ripensamenti delle parti causeranno un aggravio di incombenze.

Altro passaggio fondamentale è quello riguardante le variazioni. La procedura web dovrà essere utilizzata per le comunicazioni di proroga del termine, di trasformazione e cessazione del rapporto di lavoro, per informare l'Inps sui cambi di indirizzo, di orario di lavoro e di retribuzione e tenere sempre aggiornati questi ultimi due dati.

I cambiamenti, in vigore dal prossimo aprile, riguarderanno anche le modalità di versamento dei contributi: scompare definitivamente la possibilità di pagare con bollettino postale che  sarà e sostituito dal sistema Mav; si potrà pagare tramite circuito di pagamento Reti amiche, sul sito Inps, o con carta di credito telefonando al numero verde.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il