BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa: mutuo 2011 Poste italiane

Mutui a tasso variabile e fisso di Poste Italiane per ristrutturare casa. Proposte e costi



Poste Italiane offre una nuova soluzione mutuo a tasso variabile o fissa per la ristrutturazione di casa, dedicata appunto a chi desidera ristrutturare la propria prima o seconda casa.

L’offerta a tasso variabile prevede il pagamento di rate mensili, il cui importo non sarà costante ma dipendenrà dall’andamento dell’Euribor o dal tasso ufficiale di riferimento BCE.

Al parametro di indicizzazione bisognerà comunque aggiungere lo spread, calcolato dall’istituto di credito a titolo di maggiorazione onerosa come principale forma di compenso per il servizio finanziario. La durata dell’operazione dovrà essere compresa tra un minimo di 5 anni e un massimo di 30 anni. Sono ammesse in ogni momento operazioni di estinzione anticipata del debito residuo.

L’importo massimo erogabile può arrivare anche fino al 100% del valore dei lavori di ristrutturazione da eseguire. Per quanto riguarda invece la proposta a tasso fisso, il pagamento è rate periodiche calcolate sulla base dell’IRS, con spread calcolato tra le parte e possono arrivare ad un massimo di 30 anni.

Anche in questo caso l’importo massimo richiedibile può essere pari al 100% del costo delle spese di ristrutturazione, purchè non superino il 40% del valore commerciale dell’immobile offerto in garanzia ipotecaria.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il