Tfr, scontro Maroni-Cgil su "norme pro-assicurazioni"

Altro che tutto rimandato al primo gennaio 2008



Altro che tutto rimandato al primo gennaio 2008, come ha comunicato ieri il Governo di Silvio Berlusconi, secondo il responsabile economico della Cgil Beniamino Lapadula - che cita una "fonte governativa" - "alcune norme del decreto sul Tfr entrerebbero immediatamente in vigore, in particolare quelle con cui tutte le forme pensionistiche vengono equiparate favorendo così in modo scorretto le assicurazioni".

"Se fosse vero saremmo in presenza di una vera e propria banda di neo-furbetti del quartierino al servizio delle assicurazioni e del conflitto di interessi di Berlusconi - ha aggiunto l'esponente sindacale - Roberto Maroni deve dire se ne fa parte o no".

Ma il ministro, anziché rispondere alla domanda, ha preferito dare mandato ai propri legali di trascinare Lapadula in Tribunale per "diffamazione aggravata". Secondo il leghista "quelle di Lapadula sono accuse volgari ed offensive". "Siamo di fronte - ha aggiunto l'esponente del Carroccio - ad una forma di terrorismo psicologico".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il