BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ultime notizie centrale nucleare Giapponese 30 marzo2011:radioattività plutonio e ad Tepco scomparso

Nuova scossa di assestamento, diffusione plutonio: le ultime notizie dal Giappone



Una nuova scossa di assestamento ha interessato il Giappone, senza provocare però danni o vittime in un Paese che si avvia alla ricostruzione e che sta già caramente pagando la paura nucleare a causa delle esplosioni che hanno interessato nelle scorse settimane i reattori della centrale di Fukushima.

Ora sarebbero stati riscontrati bassi livelli di contaminazione da plutonio all'esterno dell'impianto nucleare di Fukushima. Il portavoce governativo Yukyo Edano, ha indicato il problema come un nuovo rischio che affrontano i lavoratori che stanno cercando di riportare sotto controllo il reattore, oltre che una possibile minaccia per la salute collettiva.

Dei cinque campioni di terreno presi, Edano afferma che due contenevano bassi livelli di plutonio che non portano rischi per la salute. Mentre secondo l'agenzia per la protezione ambientale Usa il plutonio presenta maggiori rischi cancerogeni rispetto alla radioattività che si è riscontrata fino ad ora, per l'agenzia nucleare giapponese la diffusione di plutonio potrebbe significare danni alle barre di combustibile nel nucleo del reattore.

Secondo Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace, “la notizia del ritrovamento di Plutonio rilasciato dalla centrale di Fukushima è agghiacciante. Il plutonio è una sostanza tossica oltre che radioattiva che se inalata o ingerita può danneggiare gravemente gli organi interni, in particolare lo scheletro, i polmoni e il fegato. Questa notizia rende ancora più urgente l’immediata necessità di evacuare i cittadini giapponesi dalle aree circostanti la centrale”.

Il premier Naoto Kan ha detto che il governo è in stato di massima allerta per la situazione imprevedibile di Fukushima. Mentre, dunque, scatta la massima allerta per la diffusione di plutonio, è giallo sulla scomparsa del capo della Tepco, società che gestisce la centrale nucleare.

Dal 13 marzo, infatti, Masataka Shimizu è sparito, scatenando la rabbia dei cittadini e sul web c’è anche chi chiede la pena di morte o un processo davanti alla corte penale per lui.

Dopo l’unica conferenza stampa che ha tenuto a seguito della catastrofe naturale che ha devastato il Giappone lo scorso 11 marzo, l’ad non si è fatto mai più vedere e alle continue domande su dove sia, i portavoce rispondono parlando di ‘una piccola malattia’. E oggi si sa, infatti, che pare sia stato ricoverato.

Prima del terremoto che ha devastato il Giappone e danneggiato la centrale di Fukushima, Shimizu aveva ricevuto molti apprezzamenti per la sua gestione della Tepco e i profitti raggiunti, grazie ad una politica di taglio dei costi, che ha interessato soprattutto le ispezioni, sempre più ridotte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il