BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco pagamenti rate Aiazzone e come ottenere subito i mobili

Come ottenere consegna o blocco dei pagamenti rateali degli acquisti Aiazzone



Aiazzone ed Emmelunga, due mobilifici storici in Italia hanno mostrato ultimamente grosse difficoltà economiche, tanto che moltissimi loro clienti non hanno ricevuto i mobili ordinati e sono circa 12 mila le famiglie truffate dall'azienda di mobili Aiazzone, di proprietà Gianmauro Borsano e Renato Semeraro.

Qualche settimana fa, un servizio de ‘Le Iene’ ha rivelato la storie di migliaia di famiglie italiane che avrebbero prenotato mobili, pagando un acconto all’azienda e accendendo a prestiti, per consegne che però non sono mai state effettuate. Tutte le famiglie hanno cercato di contattare un numero telefonico a cui, però, nessuno ha mai risposto.

Il danno non è solo per le famiglie che hanno acquistato mobili ma anche per ben 850 dipendenti di tutti i punti vendita dell'azienda che attendono gli stipendi arretrati.

Nel frattempo, però, Fiditalia continua ad esigere le rate delle finanziarie, nonostante l'oggetto della compravendita di fatto non esista più, per questo il Codacons ha comunicato che il Codice di Consumo e una direttiva europea prevedono in questi casi l'immediata sospensione delle rate e la restituzione delle rate pregresse pagate dai clienti truffati.

Per ottenere la consegna o il blocco dei pagamenti rateali, bisogna innanzitutto inviare tramite raccomandata a/r una richiesta di adempimento alla consegna dei mobili, compreso il rimborso dei danni e di quanto eventualmente già pagato.

Se dopo i quindici giorni previsti per la consegna dei mobili non si ottiene risposta, bisognerà chiamare il numero 02/6961550 in contatto con le finanziarie coinvolte (Fiditalia, Findomestic) per risolvere le situazioni problematiche.

Una volta ottenuta risposta, sarà possibile avere la sospensione del pagamento delle rate per coloro che non hanno mai ricevuto mobili, se, invece si è ricevuta una consegna parziale, bisognerà contattare il numero su indicato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il