BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonifici, bancomat, carte di credito, prelievi in banca: costi più alti a confronto con Europa

costi bancari in Italia sono i più alti rispetto agli altri Paesi europei



I costi bancari in Italia sono i più alti rispetto agli altri Paesi europei. Per la commissione Ue il costo annuale è di 292 euro ma secondo l’Abi non superiamo i 150. Più cari l'uso delle carte e le operazioni allo sportello, e sono previsti poi fino a 6 euro per un bonifico e 3 per saldare una bolletta.

Si pagano anche estratti conto, assegni, fidi e persino gli sms, accumulando rispetto all'Europa 4,2 miliardi di spese extra. I costi dei servizi bancari variano a seconda della quantità delle operazioni e dello strumento usato.

Per rendere più trasparente l'offerta, Bankitalia un anno fa ha introdotto l'Isc (indicatore sintetico di costo) che obbliga a fornire il costo annuo per un uso standard e divide i clienti in sei ‘griglie di adeguatezza’, che sono giovani, famiglie con operatività bassa/media/alta, pensionati con operatività bassa/media.

Le banche non possono più vendere prodotti inadatti in base al profilo, come accadeva in passato. Da uno studio pubblicato da Der Spiegel emerge il primato dell'Italia in fatto di costi: 295,66 euro medi annui, contro 114 euro della media dell'Europa a 27.

Le grandi spese bancarie interessano soprattutto bolli e spese di tenuta, Bancomat (10-15 euro l'anno in media), carte di credito (una trentina di euro), poi l'eventuale dossier titoli (fino a un centinaio di euro). Poi ci sono le spese per operazioni: pagamenti, domiciliazioni, prelievi, rate di mutui o altri fidi, il cui costo arriva alle stelle se si fa ricorso allo sportello.

L'Abi stima in 6,23 euro il costo di un bonifico per cassa verso una banca diversa dalla propria, mentre la cifra si abbassa se l'addebito è in conto corrente, e cala a 0,87 euro sui bonifici via internet.

Stessa dinamica per pagare le utenze domestiche: 3,16 euro al cassiere, 2,17 euro con addebito, 0,77 euro via internet e 0,09 euro con domiciliazione. Infine, è sempre bene prestare attenzione a quella voce che sostituisce la vecchia  commissione di massimo scoperto, oggi  con nomi diversi, tanto da meritarsi un'indagine Antitrust e la reprimenda di Bankitalia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il