BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Previsioni del tempo week end 9-10 aprile 2011: caldo record. Temperature per ogni città

Temperature record in tutta la Penisola per il week end. Previsioni



Dopo un rigido inverno, arriva di colpo un’ondata di caldo anomalo che investirà tutta la Penisola, portando anche alla chiusura anticipata degli impianti sciistici in montagna. Le temperature record hanno raggiunto i 30 gradi ieri ad Aosta e Bolzano e la situazione nel week end di domani, sabato 9 aprile, e domenica 10 non saranno diverse.

Secondo i meteorologi, il caldo è destinato anche ad aumentare: domani sono previsti altri due gradi in più, mentre domenica le correnti provenienti da Est dovrebbero abbassare leggermente la temperatura. I 30 gradi ieri sono stati toccati oltre che ad Aosta anche ad Acqui Terme (Alessandria) e a Domodossola (Verbano-Cusio-Ossola), mentre in Toscana il termometro ha raggiunto 27 gradi.

Stesse temperature, in qualche caso di qualche grado più basse al Sud, dove si registrano 24-25 gradi fra Bari, Catanzaro e Palermo. Per gli appassionati di sci alpinismo l’invito è di evitare le ore più calde della giornata, quando anche il passaggio di un solo sciatore potrebbe provocare il distacco di valanghe, perchè il rialzo termico sta favorendo l’umidificazione della neve a quote sempre più elevate e la debole coesione del manto si traduce in un rischio più alto di cedimenti dei lastroni.

Le temperature domani potranno raggiungere punte di 30 gradi sui settori occidentali lombardi, milanese, brianza, varesotto, pavese e lodigiano, ma anche in Valtellina. Sono temperature da record, oltre 10-11 gradi superiori alle medie del periodo, mai raggiunte ad aprile.

Da domenica poi le temperature caleranno lievemente grazie a correnti orientali più fresche e si porteranno intorno ai 25 gradi di massima, anche per gran parte della prossima settimana. Questa lunga fase estiva è infatti destinata a durare probabilmente almeno fino al 15 del mese. Solo nella seconda parte di aprile le correnti fresche dal nord Europa potrebbero fare ritorno sulla nostra Penisola apportando un tempo più variabile e una generale diminuzione delle temperature.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il