BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Internet vale il 2% del Pil italiano e non c'è crisi

Internet: nuovo pilastro dell'economia italiana. I dati



E’ Internet uno dei nuovi pilastri dell’economia italiana, tanto da rappresentare il 2,0% del PIL, con un valore pari a 31,6 miliardi di euro. E la crescita non si ferma qui, perché si prevede che nel 2015 rappresenterà tra il 3,3% e il 4,3% del PIL, con una crescita stimata tra il 13% e il 18%, tra il 2009 e il 2015.

Per capire quanto il web stia giocando un ruolo prioritario nella crescita dell’economia, basta pensare che una PMI attiva sul web cresce molto più in fretta rispetto ad una che lavora senza sfruttare le potenzialità della rete, si muove verso l’internazionalizzazione e assume più dipendenti.

Si nota maggiormente l’incidenza del web sull’export: il gruppo di Pmi italiane più attive in Internet ha aumentato le vendite all’estero del 15%, le mediamente attive dell’8% e le estranee al web solo del 4%.

A fine 2010 i siti con il suffisso ‘.it’ hanno superato i 2 milioni e Internet è consolidato come fattore propulsivo dell’economia italiana. Uno studio condotto da Boston Consulting e Google, per quanto riguarda le previsioni future, calcola che con una crescita annua attesa fra il 13% e il 18% dal 2009 al 2015 l’Internet economy italiana rappresenterà nel 2015 fra il 3,3% e il 4,3% del Pil, cioè fra i 59 e i 77 miliardi di euro.

 Autore:

Marcello Tansini

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il