Mutui online 2011: situazione

Crescono coloro che si rivolgono al web per accendere un mutuo per la prima casa




Da gennaio a marzo 2011 sono state 26 mila le richieste di accensione mutui online. Coloro che li hanno maggiormente richiesti sono stati i dipendenti a tempo indeterminato (79%), seguiti dagli autonomi con partita Iva (9%), dai liberi professionisti e dai pensionati (4%), soprattutto interessati all'acquisto della prima casa. Ma sono state tante anche le richieste di surroghe: oltre 560 milioni di euro e una richiesta media di finanziamento di 125 mila euro sono il 17,3%.

Ci si chiede, però, quale sia la forma di mutuo più conveniente oggi, all’indomani della decisione della Bce di alzare i tassi di interesse per l’area euro all' 1,25%. E’ vero, le rate del mutuo si alzano ma gli esperti consigliano di non correre dal variabile al fisso.

La corsa all’aumento delle rate si è già fatta sentire ma se le cose andranno secondo le previsioni, il costo delle rate potrebbe salire anche di 100 euro al mese in un anno per ogni 100 mila finanziati, ma passare al fisso non conviene, considerando il 5,5%.

Chi pensa al risparmio, se possibile, sulle rate del proprio mutuo, temendo un ulteriore rialzo, potrebbe pensare di abbandonare il variabile per preferire il fisso e se oggi avesse, come lo scorso settembre, tassi attorno al 4% o poco più, il consiglio sarebbe di preferire certamente fisso, ma è facile prevedere che per i mutui stipulati dalle prossime settimane si arriverà al 5,5%, che in termini di rata mensile (sempre su 100.000 euro) significano una cifra di 545 euro.

Inoltre, per chi ha già un mutuo in corso, l’eventuale surroga a tasso fisso comporta una rata più alta di 90 euro al mese per un ventennale partito nel 2003 per arrivare a 190 sul mutuo partito nel 2008.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il