BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Coste artiche si ritirano di mezzo metro all'anno

Come agiscono i cambiamenti climatici sulle coste dell'artcio



Le coste artiche si stanno ritirando alla media di mezzo metro l'anno per un progressivo aumento dell'erosione effetto dei cambiamenti climatici e delle sempre più numerose attività umane.

Questo è quanto emerge dal rapporto Stato delle coste artiche 2010, condotto da più di 30 scienziati di dieci Paesi, risultato delle ricerche condotte lungo oltre 100.000 km di coste. 

Dallo studio è emerso che le coste artiche reagiscono al global warming in modo più sensibile rispetto a quelle delle aree delle medie latitudini. Finora, esse sono state protette dalla forza erosiva delle onde da ampie aree di ghiaccio marino, ma a causa del continuo declino di questo ghiaccio, la protezione sta sempre più venendo meno e l’equilibrio di una struttura rimasta stabile per millenni sta iniziando a venir meno.

Nonostante siano caratterizzate da una densità di popolazione normalmente molto bassa, queste regioni dell'estremo nord rappresentano punti cruciali per la vita economica e sociale.

La crescente necessita di nuove fonti di energia, le crescenti attività turistiche e il trasporto intermodale porta a una sempre maggiore pressione antropica che non fa che accrescere il problema e peggiorarlo sempre più

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il