BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Libia: Gheddafi minaccia l'Italia

Minacce della Libia a Italia, Gran Bretagna e Francia. La situazione



Dalla televisione di Stato libica arrivano minacce ad Italia, Gran Bretagna e  Francia e agli “altri Stati neocrociati per aver inviato addestratori e consiglieri militari in Libia. Questi Paesi devono stare attenti alle conseguenze di una simile decisione”, afferma una nota del ministero degli Esteri di Tripoli letta da un annunciatore della tv al Jamahiriya.

Poco dopo l'annuncio, uno shaykh religioso musulmano ha definito “Stati neocrociati” l'Italia e gli altri Paesi coinvolti nella guerra in Libia. Il portavoce del Governo Mussa Ibrahim, ha poi ribadito: “In molte città si sono formate milizie per contrastare una possibile invasione della Nato. Se la Nato viene a Misurata o in qualsiasi altra città libica scateneremo l'inferno contro di loro. Saremo una palla di fuoco.

Faremo cose dieci volte peggiori di quanto accaduto in Iraq”, aggiungendo poi che alla popolazione sono stati distribuite armi per fronteggiare il possibile invasore straniero. Quella del regime contro i Paesi europei è una minaccia vaga, ma forse preclude, come ipotizzano i servizi segreti italiani, ad una nuova, massiccia ondata di profughi.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno confermato che invieranno droni armati sulla Libia. Il ministro della difesa americano Robert Gates, ha sottolineato che si tratterà di un contributo modesto nell'ambito degli sforzi della coalizione internazionale. L'uso dei droni armati permetterà di effettuare attacchi più precisi contro le forze di Gheddafi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il