BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Barnes&Noble: Microsoft vuole bloccare Android con brevetti

Botta e risposta fra Barnes&Noble e Microsoft sulle proprietà intellettuali.



Botta e risposta fra Barnes&Noble e Microsoft sulle proprietà intellettuali. ‘Microsoft ha dichiarato che i brevetti si applicano solo a caratteristiche arbitrarie, fuori moda, o funzionalità di design non essenziali, tuttavia li usa per chiedere a ogni produttore di dispositivi mobili basati su Android di acquisire una licenza e pagare esorbitanti royalty oppure li denuncia per violazione di brevetto.

La sua condotta danneggia la concorrenza e i clienti di e-reader, smartphone, tablet e altri dispositivi elettronici portatili’, ha dichiarato Barnes & Noble, rispondendo alla denuncia di Microsoft sull'uso di alcune proprietà intellettuali presenti in Android. Barnes&Noble ritiene che il colosso di Redmond stia cercando di ridurre la concorrenza a Windows Phone 7.

Le proprietà intellettuali nel mirino sono cinque e secondo il produttore dell'e-reader Nook coprono ‘caratteristiche inconsistenti e banali’. Oltre a Barnes & Noble, Microsoft ha citato anche Foxconn e Inventec, i produttori del dispositivo. L'obiettivo della casa di Redmond è ottenere il pagamento di royalty per l'uso dei brevetti.

Secondo Barnes & Noble l'attacco di Microsoft ai produttori che usano Android ,di cui il colosso vorrebbe limitare l’uso, è stato deciso con Nokia, nuovo alleato della casa di Redmond interessato a frenare i concorrenti e ha detto: “Microsoft non ha inventato, fatto ricerca, sviluppato o reso disponibili al pubblico dei dispositivi che usano Android o altri sistemi open source. Vuole avere il dominio su qualcosa che non ha inventato”.

Barnes&Noble si è detta pronta a ricorrere all'Antitrust denunciando a sua volta Microsoft per limitare il mercato opensource e lo sviluppo del settore mobile, ma Microsoft ha risposto in un comunicato ufficiale affermando che come tutte le società si impegna a preservare e a difendere le proprie proprietà intellettuali come patrimonio della società.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il