Riforma apprendistato approvata è ufficiale: novità contratto di lavoro

Ok alla nuova riforma sull'Apprendistato: le novità



Approvata dal Consiglio dei Ministri la Riforma sull’apprendistato, nata con l'obiettivo di sviluppare le capacità di apprendimento dei giovani a partire dai 15 anni di età, nei confronti di un mestiere o altra capacità professionale e di favorire l'accesso al mondo del lavoro per i nuovi entranti o anche per chi ha perso l'impiego.

La Riforma prevede tre nuove tipologie di contratto e mira a semplificare l'accesso al mondo del lavoro. Secondo la Riforma, l'apprendistato diventa una sorta di contratto a tempo indeterminato che prevede tre diverse forme: la prima si rivolge ai giovanissimi (16-18 anni) che devono completare l'iter formativo nei confronti di un'arte o mestiere che non hanno un diploma e devono avere una qualifica; la seconda riguarda la fascia di età compresa tra i 18 e i 29 anni ed è rivolta a giovani che devono completare un iter formativo e professionale e si conclude con una verifica della specifica competenza acquisita.

La terza forma, infine, si rivolge ad un livello più alto di formazione, nel campo della ricerca, del dottorato e del praticantato in studi professionali. Apprezzamento dei sindacati per la riforma del contratto di apprendistato proposta dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il