BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Controlli evasione fiscale esagerati: sanzioni ai dipendenti Fisco. Lettera Tremonti

Il ministro Tremonti sui controlli fiscali troppo serrati. In arrivo sanzioni ai dipendenti



Qualche settimana fa il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ieri elogiato dal Premier Silvio Berlusconi, per il nuovo decreto Sviluppo e per essere riuscito nella mission impossibile di aver fatto rientrare, e quadrare, i conti dell’Italia, aveva detto che i controlli fiscali nei confronti di aziende e imprese si erano fatti troppo pesanti ed oggi torna a ribadire il fatto che essi siano effettivamente diventati esagerati.

Ecco ora arrivare le sanzioni per chi esagera con i controlli fiscali sulle imprese e ad annunciarle è stato lo stesso ministro dell'Economia, che proprio alcune settimane fa aveva promesso di adoperarsi contro l'oppressione» fiscale, gli eccessi che generano ‘costi, tempo perso, stress, e occasioni di corruzione’.

Il ministro, in una lettere rivolta ai dipendenti del Fisco, ha parlato di una prossima circolare con le sanzioni spiegando che “Uscirà una circolare dell'Agenzia delle Entrate che spiegherà quali saranno le sanzioni per chi esagera”.

Il direttore Befera ribadisce poi che la “nostra azione di controllo può rivelarsi realmente efficace solo se è corretta” e fornisce anche indicazioni pratiche: “Se un accertamento non ha solido fondamento non va fatto e se da una verifica non emergono fatti o elementi concreti da contestare, non è corretto cercare a ogni costo pseudo infrazioni formali da sanzionare solo per evitare che la verifica stessa sembri essersi chiusa negativamente.

Insomma, se il contribuente ha dato prova sostanziale di buona fede e di lealtà nel suo rapporto con il Fisco, ripagarlo con la moneta dell'accanimento formalistico significa venire meno a un obbligo morale di reciprocità ed essere perciò gravemente scorretti nei suoi confronti. La regola da seguire è molto semplice e di rispetto: comportiamoci tutti, come funzionari del Fisco, così come vorremmo essere tutti trattati come contribuenti”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il