BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforme professioni notai,avvocati,architetti 2011:tirocinio all'università,contratto e regole

Stagisti e praticanti: per loro novità in arrivo?



Anni di università e pratica per ‘finire’ in uno studio a zero euro al mese: sono i professionisti di domani, avvocati, notai, architetti, che però oggi devono sottostare a ‘regole di mercato’ per niente vantaggiose.

Secondo un'indagine condotta dall'Ires per Filcams Cgil sul mondo delle professioni, i giovani che entrano nel mondo professionale vengono trattati come dipendenti con orari fissi e carichi di lavoro che impediscono di svolgere attività in proprio, quasi la totalità (84,5%) deve garantire una presenza quotidiana, il 76,8% e deve rispettare un orario di lavoro con una media di ore lavorate pari a quella di un impiego in full-time, circa 38 ore, il tutto senza ricevere alcun compenso.

Dall'indagine emerge che il 91,6% del campione è insoddisfatto della retribuzione, ma che quasi la metà dei praticanti uno stipendio non lo riceve proprio, solo poco più della metà del campione (il 54,1%) riceve un compenso mensile per l'attività di tirocinio, con una percentuale un pò più alta per i praticanti dell'area economica (68,3%).

Dato decisamente negativo, considerano che l'età media dei praticanti sfiora i trent'anni, età in cui bisognerebbe essere in grado di mantenersi da soli senza ricorrere alla famiglia, cosa che puntualmente oggi avviene perché i giovani in questione non percepiscono uno stipendio né una retribuzione comunque soddisfacente, capace di garantire i sostentamento del singolo giovane.

Per questo motivo, solo il 35% dei giovani vive la pratica come un'esperienza utile per inserirsi nel mondo del lavoro, mentre il 18,3% la considera una perdita di tempo.

Per cercare di risolvere questa situazione davvero scoraggiante, sarà arriva una nuova proposta del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, che prevede di applicare anche ai praticanti un tipo di contratto come quello dell'apprendistato che possa garantire maggiori tutele. Ma l’argomento risulta piuttosto complesso da affrontare considerando le varie tipologie di professioni e per gli eventuali tempi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il