BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Permesso di costruire casa o parti di essa: silenzio-assenso. Come funziona, domanda e regole

Come funziona il silenzio-assenso: nuove regole per costruire



Ottenere permesso di costruire in novanta giorni, che diventano150 nelle città con più di 100mila abitanti o per progetti particolarmente complessi. Il silenzio-assenso scatta ora per gli interventi edilizi privati più pesanti dopo che la liberalizzazione negli ultimi anni aveva coinvolto tutta l'edilizia minore con l'estensione della Dia (denuncia inizio attività) e della Scia (segnalazione certificata di inizio attività).

Per avviare, dunque, un progetto, il costruttore dovrà inviare una domanda per iniziare l’attività e a questa domanda dovrà ricevere una risposta entro 90 giorni, o150 come su accennato

Superato questo limite, se non ha ottenuto un sì o un no, scatta il silenzio-assenso: sarà legittimato a costruire. La novità è stata inserita nel decreto sviluppo, approvato giovedì dal Consiglio dei ministri. Avrà l’obbligo di chiedere il permesso chi avvia nuove costruzioni, ristrutturazioni urbanistiche, cioè trasforma intere porzioni di città con demolizioni e ricostruzioni o riqualificazione di aree dismesse, e ristrutturazioni edilizie.

La domanda deve essere presentata allo sportello unico dell’edilizia del Comune, allegando i documenti che provano la legittimità dell’intervento. Presentata la domanda, entro 10 giorni l’ufficio nomina un responsabile del procedimento che, entro 60 giorni, dovrà presentare la proposta di provvedimento, con una relazione tecnico-giuridica sull’intervento richiesto.

Il termine sale a 120 giorni nei comuni con oltre 100mila abitanti o per i progetti particolarmente complessi. Nei trenta giorni successivi alla presentazione della proposta di provvedimento, il responsabile dovrà presentare il provvedimento definitivo e se respinge il progetto, ci vorranno altri dieci giorni per motivarlo. Il silenzio-assenso non si applica nel caso sull'immobile siano presenti vincoli ambientali, paesaggistici e culturali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il