BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Microsoft compra Skype: vantaggi e strategia

La nuova strategia di lavoro Microsoft dopo l'acquisizione di Skype. Qual è?



Microsoft compra Skype spendendo otto miliardi e mezzo di dollari in contanti, eliminando la concorrenza di Google e Facebook, acquisendo un software capace di competere con Google Voice di Android e Face Time di iOs.

Questa mossa avrebbe, dunque, sancito l’ingresso del colosso di Redmond nel mondo voip della telefonia via internet di cui Skype è protagonista. Gli obiettivi di Microsoft devono essere, dopo un attento studio ed una precisa pianificazione, risultati piuttosto importanti per aver compiuto un simile investimento, giacchè in tantissimi anni, Microsoft non si era mai sbilanciata così tanto in una acquisizione.

Quella di Skype è, infatti, la sua più grande acquisizione, che batte il suo precedente record di oltre 6 miliardi di dollari per l'acquisto dell'agenzia online aQuantive. Skype, del resto, era da tempo sul mercato: eBay la rilevò nel 2005 per 3,1 miliardi di dollari, dopo quattro anni decise di cedere il pacchetto di maggioranza a una gruppo di investitori per circa 2 miliardi di dollari e da allora sono iniziate le manovre per la quotazione a Wall Street.

La quotazione era inizialmente valutata tra i 3 e i 4 miliardi di dollari, poi sfumata soprattutto per l’interesse che Google e Facebook hanno mostrato e che ha dato vita ad una vera e propria asta, conclusasi con l’acquisizione da parte di Microsoft.

Questa mossa da un lato accresce la sua forza, considerando che Skype genera un giro d'affari di 860 milioni di dollari e conta 124 millioni di utenti connessi al mese, ma di cui solo 8,1 milioni paganti e, inoltre, non riesce ad attirare investitori, nonostante un know how che nessuno possiede nel Voip.

La nuova acquisizione potrebbe, inoltre, portare nel lungo periodo a nuovi connubi che potrebbero diventare molto importanti, come quello con la telefonia mobile grazie all'alleanza con Nokia, leader mondiale del settore cellulari, senza considerare che Microsoft potrebbe sfruttare la novità sul suo sistema operativo Windows 8, oltre che nei suoi software aziendali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il