BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Irpef 2011: chi può non pagare e chiedere esenzione?

Chi è esonerato dal pagamento Irpef: i soggetti



E’ l’imposta sul reddito delle persone fisiche, l’Irpef, una tassa che in Italia si paga sui redditi e che costituisce una delle principali fonti di entrate per le casse dello Stato. E’ un’imposta personale e progressiva sui redditi, calcolata in base al reddito percepito sia dal lavoratore dipendente, sia dal pensionato o dal lavoratore autonomo.

Per i lavoratori subordinati, con un contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, il prelievo dell’Irpef è prelevato mensilmente direttamente dalla busta paga, stesso discorso per i pensionati, mentre il lavoratore autonomo ogni anno, in sede di dichiarazione dei redditi, paga l’imposta calcolata sempre in maniera progressiva in funzione dell’imponibile maturato e conseguito nel corso dell’anno precedente.

Sono esentati dal pagamento dell’imposta i lavoratori autonomi che nel 2010 hanno prodotto un reddito non superiore ai 4800 euro e i lavoratori dipendenti che l’anno passato hanno guadagnato meno di 8000 euro (per 12 mesi di lavoro).

Esentati per quest’anno dal pagamento dell’Irpef anche alcune fasce di pensionati, come tutti i pensionati con un reddito fino a 7500 (per l’intero 2010) che abbiano meno di 75 anni, mentre per gli over 75, il reddito massimo per non pagare sale a 7.750 euro.

Chi non rientra in queste fasce di esenzione (la no tax area) può beneficiare di detrazioni se ha familiari a carico. Esenti dal pagamento Irpef anche i seguenti redditi: redditi da terreni sino a 185,92 euro, redditi da fabbricati sino a 500 euro, rendita catastale prima casa e relative pertinenze, come posto auto e cantina.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il