BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Click Day Sistri: un terzo delle imprese non riesce. Problemi e proteste

Molti i problemi registrati nel click day del Sistri. Cosa è successo



Si è svolto ieri il SISTRI click day e si parla di 121.991 accessi a SISTRI dalla mezzanotte alle 17 di ieri da parte di 65.985 utenti con 21.762 operazioni di movimentazioni rifiuti effettuate con il nuovo sistema, che diventerà obbligatorio dal prossimo 1 giugno.

Sulla giornata del test, avvenuto sotto la supervisione dei carabinieri del NOE, il ministero non ha dubbi: "Il SISTRI ha superato la prova nonostante un picco di oltre 20mila accessi contemporanei a metà mattinata”. Accessi che, nella maggior parte dei casi, riguardavano procedure di attivazione da parte di imprese che non si erano mai connesse al sistema. E non sono ovviamente mancati i problemi: 37mila sono stati gli accessi non riusciti da parte di 18 mila imprese e per 11 mila si è trattato di un rinvio in automatico per aggiornare il software, mentre per 4367 si è trattato di inserimento errato della password da parte degli utenti.

Il click day di ieri è stata una sorta di prove del nove per il Sistri (sistema di tracciamento digitale dei rifiuti) e avendo dimostrato qualche problema fino alla sue entrata in vigore potrà essere ben perfezionato.

Le associazioni imprenditoriali e cooperative promotrici del test, dal Confindustria, a Rete Imprese Italia, ad Alleanza delle Cooperative Italiane: Confcooperative, Legacoop, Agci, hanno espresso forte preoccupazione per l'esito totalmente negativo del click day sul Sistri, giacchè risulta che la grande maggioranza degli operatori ha registrato rilevanti malfunzionamenti e che il sistema informatico predisposto per il servizio ha mostrato gravi carenze.

Tra le tante proteste arrivate, ci sono tentativi non andati in porto, con la frustrazione di chi non è riuscito nemmeno a ricevere assistenza, e la preoccupazione di ciò che rischia di costare questo allungamento dei tempi di lavoro aziendali. Sono, infatti, previste multe salate e pericoli di stop ai mezzi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il