BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ricaricare Postepay online, uffici postali, tabaccherie. I costi

I diversi modi per ricaricare la Postepey: come fare e a chi rivolgersi



Ricaricare la carta Postepay senza recarsi necessariamente in tabaccherie e uffici postali è da oggi possibili, grazie alla ricarica che si potrà effettuare da casa. L’operazione si potrà svolgere attraverso diverse opzioni, scegliendo di rivolgersi direttamente sul sito di Poste Italiane, oltre che, come già consuetudine da tempo, recandosi in una tabaccheria abilitata ai servizi Sisal o in un ufficio postale.

Per ricaricare la Postepay comodamente da casa, bisogna avere un Conto BancoPosta sul quale addebitare l’importo o un’altra carta Postepay dalla quale trasferire il denaro che serve per ricaricare la carta. Bisogna poi collegarsi al sito www.poste.it, accedere alla sezione privati, trovare nel menù la voce accesso rapido e seguire le istruzioni, o al sito www.postepay.it.

Per chi, invece, vorrà continuare ad andare a ricaricare la propria Postepay in tabaccheria, dovrà trovare un esercente abilitato come ricevitoria Sisal, accreditare sulla prepagata un importo compreso tra uno e mille euro, commissione (2 euro) esclusa, comunicare il numero della carta, il codice fiscale e l’importo richiesto, controllando la correttezza dei dati sul pre-scontrino che verrà consegnato dal ricevitore. Meglio, al termine dell’operazione, conservare lo scontrino.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il