BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Valutazione in Borsa Linkedin, Facebook e aziende Internet. Ecco chi prepara le bolle

Ha 34 anni colui che si occupa delle quotazioni dei maggiori social in Borsa. Chi è e come lavora



Si trova a Broadway, la sede di SecondMarket, il sistema di trading alternativo su cui in pochi mesi sono andate alle stelle le quotazioni di Facebook, Twitter, Zynga. È la Borsa della nuova Bolla di Internet, secondo gli analisti, quella che alimenta l'etusiasmo degli investitori su questi titoli gonfiando le valutazioni fino a livelli come quello raggiunto da Linkedin che ha debuttato al Nyse giovedì 19 con un prezzo iniziale pari a 258 volte gli utili realizzati nel 2010 e ha chiuso il primo giorno con un rialzo del 108%.

Il fondatore di SecondMarket, è il 34enne Barry Silbert, che spiega come il suo ruolo “non è giudicare se il prezzo è giusto, ma rispondere alla reale necessità di un nuovo mercato per le aziende in crescita. Cresciuto a Gaithersburg, nel Maryland, orfano di padre a 11 anni, broker finanziario a 17, laureato in Business ad Atlanta, Silbert si era specializzato nel trattare titoli illiquidi curando la vendita delle attività di Enron dopo il crac del 2001 e così è nata l'idea di creare una sorta di eBay delle azioni private.

La prima società privata scambiata su SecondMarket è stata Facebook: un suo ex dipendente ha chiesto di mettere all'asta le proprie azioni e, dopo una verifica su potenzialità e problemi di questo business, Silbert ha deciso due anni fa di lanciarlo.

Gli utenti registrati a SecondMarket sono 60 mila, di cui il 10% non americani, soprattutto europei (anche italiani) ed asiatici e per poter comprare azioni non ufficialmente quotate, devono qualificarsi come investitori ricchi e sofisticati, con un patrimonio finanziario di almeno un milione di dollari e un reddito annuo di oltre 250 mila.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il