BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Germania: morti per batterio fecale. Esplode la paura contagio ed epidemia. Rischi per Italia?

Allarma in Germania per un nuovo batterio. Cause e situazione



È allarme in Germania a causa del germe killer Escherichia Coli (Ehec), l’epidemia causata dal batterio fecale ha fatto le prime vittime, che fnora ha provocato la morte di due persone e oltre 400 casi di contagio.

Le autorità hanno, infatti, confermato la morte di una donna di 83 anni della Bassa Sassonia, e di una ragazza di 25 anni che avrebbe riscontrato gli stessi sintomi dell’infezione. Un caso di morte sospetta anche nello Schleswig-Holstein. Medici e ricercatori non hanno ancora trovato la causa della diffusione dell’epidemia. Ciò che si sa è che il batterio provoca la sindrome emolitica-uremica che può portare ad una insufficienza renale acuta.

I sintomi prevalenti sono dolori al ventre del tipo dei crampi e diarree emorragiche, mentre la patologia più comune collegata alla E-coli, il batterio proveniente dall’intestino dei mammiferi, è la dissenteria contratta principalmente da alimenti contaminati e colpisce le persone attraverso la catena alimentare. La causa potrebbe, dunque, nascondersi nella verdura concimata con il liquame e successivamente non adeguatamente lavata.

In Germania sarebbero oltre 400 i casi tra sospetti e confermati, di persone affette dal batterio della Esterichia coli. I maggiori focolai si troverebbero soprattutto nel nord del Paese: Bassa Sassonia e Brema, Amburgo, Assia. Quaranta delle persone ricoverate in ospedale nei reparti intensivi si trovano attualmente tra la vita e la morte.

Gli organi d’informazione tedeschi stanno lanciando appelli alla popolazione per lavare con la massima cura i cibi, rinunciando per il momento alle verdure crude. Al momento non ci sarebbero rischi per l’Italia, se non quelli che di solito ci sono nell'anno. Ma il problema è capire la portara del virus e le vere cause di fondo per poi dire se possono esplodere epidemia e contagio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il