Grecia fuori dall'euro: ipotesi uscita possibile secondo commissario Ue

La Grecia potrebbe uscire dall’Ue e tornare alla Dracma: la situazione



La Grecia potrebbe uscire dall’Ue e tornare alla Dracma. L’abbandono del ‘circolo’ della moneta unica sembrerebbe dietro l’angolo per la Grecia alle prese con una drammatica crisi delle finanze pubbliche. A rilanciare l’ipotesi di questa uscita del Paese dall’Ue è stato un commissario europeo, di nazionalità greca, Maria Damanaki, titolare della pesca.

L'esponente del Pasok, partito socialista attualmente al governo ha spiegato: Abbiamo la responsabilità morale di guardare al dilemma con chiarezza: o troviamo un accordo con i creditori in modo che il nostro programma di duri sacrifici abbia risultati o torniamo alla dracma”.

Con tutta probabilità la Greecia vorrebbe tornare alla propria moneta nazionale, ma non le sarà permesso di farlo, perchè metterebbe in crisi tutte le banche dell'area euro. Il governo greco intanto ha smentito le voci secondo le quali si sta pensando a un referendum sulle misure di austerità.

Tutto ciò dopo che il premier George Papandreou ha precisato che per far passare le misure di austerità ci vuole un ampio consenso nazionale. Il presidente dell'Eurogruppo, Jean Claude Juncker, conferma che il Fmi si rifiuta di rilasciare l'ultima tranche del prestito se l'Unione europea non garantirà il finanziamento di circa 27 miliardi di euro di cui avrà bisogno Atene nel 2012 per rimborsare i creditori.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il