BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Scadenze fiscali Giugno 2011: lista e date

Date e adempimenti fiscali giugno 2011



Giugno mese piuttosto ricco per i contribuenti italiani: le scadenze da rispettare partono da lunedì 6 giugno, quando scadrà il termine ultimo per registrare tutti i contratti di locazione la cui scadenza va dal 7 aprile 2011 al 6 giugno 2011 e per richiedere di avvalersi della cedolare secca.

Il 14 giugno scade invece il termine ultimo per gli enti pubblici per regolarizzare la propria posizione tributaria, versando ritenute ed imposte non ancora versati nel termine prefissato del 16 maggio.

Il 15 giugno 2011 sarà la volta dei soggetti IVA, alle prese con emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti contraenti; per i commercianti al dettaglio per registrazione, anche cumulativa, delle operazioni nel mese solare precedente; e per i Centri di Assistenza Fiscale (CAF) per la consegna al dipendente o pensionato del modello 730 integrativo e del prospetto di liquidazione mod. 730/3.

Le scadenze del 16 giugno 2011 sono fissate per i sostituti di imposta alle prese con i seguenti obblighi: versare le ritenute alla fonte su redditi di lavoro dipendente ed assimilati corrisposti nel mese precedente con Modello F24; versare le ritenute alla fonte su redditi di lavoro autonomo corrisposti nel mese precedente; versare le ritenute alla fonte su provvigioni corrisposte nel mese precedente; versare le ritenute alla fonte su indennità di cessazione del rapporto di collaborazione a progetto corrisposte; versare le ritenute alla fonte su interessi e redditi di capitale vari corrisposti o maturati nel mese precedente con Modello F24; versare le ritenute alla fonte su redditi derivanti da perdita di avviamento commerciale corrisposti; versare le ritenute alla fonte su contributi, indennità e premi vari corrisposti nel mese precedente; versare le ritenute alla fonte su redditi derivanti da riscatti di polizze vita corrisposti nel mese precedente; versare le ritenute alla fonte su premi e vincite corrisposti o maturati nel mese precedente con Modello F24; versare le ritenute alla fonte su cessione titoli e valute corrisposti o maturati nel mese precedente con Modello F24; versare le ritenute alla fonte su redditi di capitale diversi corrisposti o maturati nel mese precedente con Modello F24.

Sempre il 16 giugno sarà la data ultima per chi deve versare le ritenute alla fonte su rendite AVS corrisposte nel mese precedente con Modello F24; versare le ritenute alla fonte sui pignoramenti presso terzi riferite al mese precedente con Modello F24; versare l’imposta sostitutiva sulle somme erogate ai dipendenti, nel mese precedente, in relazione a incrementi di produttività, innovazione ed efficienza legati all’andamento economico delle imprese con Modello F24; versare la rata dell’addizionale regionale all’IRPEF trattenuta ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente a seguito delle operazioni di conguaglio di fine anno con Modello F24, l’addizionale regionale all’IRPEF trattenuta ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente a seguito delle operazioni di cessazione del rapporto di lavoro con Modello F24; versare la rata dell’addizionale comunale all’IRPEF trattenuta ai lavoratori dipendenti e pensionati sulle competenze del mese precedente con Modello F24.

Sempre il 16 giugno sarà la data di scadenza da rispettare per i contribuenti IVA mensili che devono versare l’IVA dovuta per il mese precedente con Modello F24, per i soggetti che esercitano attività di intrattenimento, versamento dell’imposta sugli intrattenimenti relativi alle attività svolte con carattere di continuità nel mese precedente, per le persone fisiche, società semplici, società di persone e soggetti equiparati che partecipano a società, associazioni e imprese: versamento, in unica soluzione o come prima rata, le imposte IRPEF ed IRAP a titolo di saldo per l’anno 2010 e di prima acconto per l’anno 2011 senza alcuna maggiorazione, versamento, in unica soluzione o come prima rata, l’imposta sostitutiva sulle plusvalenze dovuta in base alla dichiarazione dei redditi senza alcuna maggiorazione; l’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata, non soggetti a ritenuta d’acconto, senza alcuna maggiorazione, l’IVA relativa al 2010 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,4% per mese o frazione di mese per il periodo 16/3/2011-16/6/2011.

Per i soggetti IRES tenuti al Modello Unico 2011 con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio, il 16 giugno sempre, sarà la data ultima per il versamento delle le imposte IRES ed IRAP a titolo di saldo per l’anno 2010 e di prima acconto per l’anno 2011, senza maggiorazione con Modello F24 e per il versamento dell’Iva relativa al 2010 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,4% per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2011-16/6/2011.

E ancora, il 16 giugno sarà la data di scadenza per i proprietari di beni immobili o titolari di diritti reali di godimento sugli stessi che dovranno versare l’acconto ICI per il 2010, per i contribuenti tenuti al versamento unitario di imposte e contributi, termine ultimo per la regolarizzazione dei versamenti di imposte e ritenute non effettuati entro il 18 maggio 2011 con Modello F24, e per le imprese e gli enti equiparati che dovranno versare l’imposta sostitutiva nella misura pari al 6%, entro l’importo massimo di 300 milioni di euro, sulle plusvalenze iscritte in bilancio derivanti dalla valutazione ai corsi di fine esercizio delle disponibilità in metalli preziosi per uso non industriale con Modello F24.

Il 25 giugno, invece, gli operatori intracomunitari con obbligo mensile dovranno presentare elenchi intrastat delle cessioni e acquisti intracomunitari effettuati nel mese precedente. Infine, il 30 giugno 2011 è per le persone fisiche e società di persone, non titolari di partita Iva, che hanno scelto nella dichiarazione dei redditi, Unico 2011, il pagamento rateale e hanno effettuato il primo versamento il 16 giugno 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il