BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ebook in Italia: pochi titoli. Già superati da apps cellulari

Gli italiani pezzi per tablet, smartphone e apps: l'andamento degli ebook



Era boom per il mercato degli Ebook in Italia. Ma lo scenario sembra cambiare: il catalogo è cresciuto di dieci volte in un anno ma il fatturato è ancora basso. In occasione dell' Editech, una due giorni sugli e-book, libri digitali, per fare il punto su come l’editoria europea sta affrontando la sfida digitale, organizzata a Milano, è emerso che gli e-book rappresentano un fenomeno in prepotente crescita, come dimostra il sorpasso su Amazon delle vendite di e-book su quelle dei libri cartacei ma l’Italia sfiora per valore lo 0,1% rispetto al mercato trade ed è anche l’ultimo paese ad essere entrato in questo settore e con un numero di titoli a fine 2010 ancora limitato, 6.950.

A maggio di quest’anno i titoli in Italia hanno raggiunto quota 11.271, cresciuto dieci volte rispetto a gennaio 2010 e l’Italia è passata da 299 editori a 471. Ma il Belpaese è ancora ben lontano dalle alte percentuali che svettano in altri dei paesi, come quelli anglosassoni, nonostante il loro prezzo di vendita sia decisamente accessibile. Il motivo?

Gli italiani preferiscono gli smartphone e le loro apps. Nonostante i  vantaggi di distribuzione e di fruizione possibili con i formati digitali e la forte distribuzione dei tablet pc, dispositivi che si sono rivelati decisamente vincenti, igli ebook non decollano più di tanto.

Bisogna considerare, inoltre, che il mercato delle applicazioni, attualmente dominato dall’App Store di Apple e da Android Market potrebbe arrivare a valere 15,1 miliardi di euro e che la cultura delle app sta crescendo sempre più in Italia.

Da App Store Statistic nel 2010 emerge che il 67% delle applicazioni sono a pagamento con costi, per quanto riguarda quelle editoriali, che si aggirano attorno ai 4,99 dollari, sopra ai 2,43 dollari di media. Il futuro dell’editoria digitale sembra essere, dunque, nelle mani di apps per cellulari e tyablet, che spopolano sempre più sul mercato.

Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il