BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Google novità motore di ricerca: Instant Pages, ricerca vocale e per immagini

Le novità Google: ricerche e tempi



Novità mobile, di ricerca vocale e per immagini e di velocità: ieri Google ha annunciato una serie di novità che nei progetti del gruppo dovrebbero migliorare l’esperienza di ricerca del proprio motore.

Si parte da Google Mobile,novità pensata per quando l’utenza non è sul desktop ma probabilmente in auto, con gli amici, a pranzo o comunque in lontano dal desktop. Quando la ricerca su desktop è minore, la ricerca da dispositivi mobile cresce e per questo motivo il BigG vuole offrire un’esperienza sempre più qualitativa ai suoi utenti.

La prima novità riguarda le icone di scelta rapida. Si tratta di una serie di icone relative ai locali e luoghi maggiormente ricercati dall’utente. Facendo tap sull’icona, si potranno visualizzare i risultati più vicini alla posizione dell’utente, ottenendo al tempo stesso informazioni e indicazioni sul luogo mostrato nella mappa.

La seconda novità, invece, riguarda la creazione di ricerche personalizzate. Si tratta di una funzione già presente nell’app per iPhone, e che adesso è stata implementata in Safari.

Anche la ricerca vocale sbarca sull’interfaccia desktop del motore: comparirà infatti l’icona di un piccolo microfono accanto al pulsante di invio della query e un semplice click permetterà di formulare a voce la propria richiesta ed il servizio la tradurrà istantaneamente in una query scritta. La ricerca vocale è istantanea ed offre immediatamente il risultato.

Il riconoscimento vocale non sarà più presente solo sulla versione mobile, ma anche sulla ricerca desktop per gli utenti Chrome, per cui usando il browser di Google si vedrà l’immagine d un piccolo microfono, su cui basterà cliccare per registrare e digitare con la voce la vostra query. Al momento questa nuova caratteristica è presente su google.com in inglese.

Google Images, invece, offre la possibilità di introdurre un’immagine in qualità di query per ottenere in risposta immagini similari o una risposta testuale relativa al contenuto dell’immagine stessa.

La richiesta può essere formulata tramite semplice drag&drop: l’immagine viene traslata con il mouse verso il modulo di ricerca, l’upload la porta ai server Google e la risposta sarà relativa a quel che il server riconosce sulla base del confronto con le altre immagini in archivio.

Ultima novità riguarda la velocità e si chiama Google Instant Pages. Con questo nuovo sistema Google vuole annullare i tempi richiesti: mentre l’utente sceglie il miglior risultato per la propria query, infatti, Google procede con il pre-caricamento degli elementi delle pagine dove più probabilmente avverrà il click in modo da aprire il risultato cliccato quasi istantaneamente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il