BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Brunetta contro i precari: conferma tutto. Proteste online

Tutti contro Brunetta: si rincorrono sul web critiche e proteste dopo le parole ai precari



Tutti contro Brunetta: dopo le parole del ministro nei confronti dei precari definiti ‘la parte peggiore dell’Italia’, si è scatenata sul web una vera e propria protesta contro le sue affermazioni in particolare e l’organizzazione di governo in generale, che accetta di farsi rappresentare da chi definisce una parte ‘debole’ del nostro Paese, che si impegna ma che non è in grado di avere ‘speranze’ e prospettive, a causa del governo stesso, la parte ‘peggiore’.

Si rincorrono da ieri sul web manifestazioni di forti critiche e polemiche: dai blog ai social network non si fa altro che leggere frasi del tipo ‘Brunetta dimettiti’, ‘Vergona’, ‘Sei tu la parte peggiore d’Italia’. O ancora: ‘Brunetta dimettiti subito. E’ inammissibile insultare i precari, non e’ da Stato civile’, ‘La parte peggiore dell’Italia ti paga lo stipendio. Ricordatelo bene’, e ancora ‘Una delle cose che mi ha spinto a non votare più il Pdl è la scelta nucleare. Un’altra cosa è la scelta del ministro Brunetta, autogol vivente e costante’.

Ma di fronte a tali commenti il ministro in diretta a Focus economia su Radio 24 conferma: “Ridirei tutto e lo rifarei. L'Italia peggiore è quella di quei signori che irrompono nei convegni, nelle assemblee e con le loro telecamerine bloccano i lavori, le discussioni e i comitati di redazione e si riprendono per i loro desideri si appagamento mediatico.

È stato un agguato mediatico costruito per avere immagini e voce, un agguato programmato. La rete usata come un manganello mediatico. L'Italia peggiore è quella che si disinteressa della concretezza dei problemi e della realtà: ho fatto più io per i precari della pubblica amministrazione che tutti i miei predecessori”.

L'episodio cui il ministro si riferisce è quello avvenuto durante il convegno I Giovani innovatori, nell'ambito della Giornata nazionale dell'Innovazione 2011. Il ministro aveva appena terminato il suo intervento, quando un gruppo di militanti della Rete precari della pubblica amministrazione si è alzato dalla platea ed è salito sul palco.

Alla parola precari, Brunetta, si è allontanato pronunciando la frase ‘siete la peggiore Italia’. Uscendo dal convegno è stato inseguito fino alla sua macchina dai contestatori che gridavano ‘buffone buffone’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il