BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale: nuovo piano contro dal Fisco. Tracciamenti, studi di settore, meno partite iva

Meno condononi, incentivi all'uso di strumenti tracciabili al fisco e riduzione delle partite Iva: le novità possibili



La nuova riforma fiscale annunciata ieri dal ministro dell’Economia, Giulia Tremonti, prevede anche novità per quanto riguarda i controlli per evitare, o arginare, il fenomeno dell’evasione.

Il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, ha prodotto una prima bozza di raccomandazioni per le misure per la lotta all'evasione fiscale e contributiva, fra cui spicca la lotta all'uso del contante, esaminare la possibilità di incentivi che rendano più vantaggioso servirsi di carte di credito e bancomat e, parallelamente, di rendere cogente l'uso di questi strumenti per alcune transazioni con le pubbliche amministrazioni, incentivi, dunque, all’uso di strumenti tracciabili al fisco, e riduzione delle partite Iva.

Per ridurre il fenomeno dell'evasione, bisognerebbe porre un freno anche nell'uso dei condoni. Le proposte che però faranno più discutere sono quella di pubblicare l'elenco dei contribuenti che non pagano tasse al Fisco e ancora, e quella di aggiornare gli studi di settore annualmente se necessario e tenendo conto di fasi di crisi e shock sui prezzi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il