BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Marketing su Facebook, Linkedin e Social Network: ricerca Ecircle-Mediacom 2011

I social network come strumento di marketing: la loro importanza



Facebook, Linkedin e tutti gli altri social network sul podio delle strategie del marketing: sembra, infatti, che i social media riscuotono un'attenzione sempre maggiore fra gli strumenti di marketing più gettonati su internet.

E una recente ricerca condotta da eCircle in collaborazione con Mediacom colloca i social media al terzo posto fra gli strumenti di marketing online più utilizzati a livello europeo, alle spalle dell'email marketing e della pubblicità tabellare. In Italia solo il 37% delle aziende ha già integrato questo strumento nel marketing mix online e, in generale, la maggior parte delle aziende non ha ancora adottato i social media per attività di comunicazione e marketing.

Questa poca diffusione nel BelPaese dei social come strumento di marketing si deve probabilmente al fatto che alcuni lamentano la mancanza di targhetizzazione e l’impossibilità di misurare l’impatto delle comunicazioni. Secondo uno studio condotto dalla società di ricerca eCircle realizzato in collaborazione con Mediacom, che ha analizzato le strategie aziendali in sei Paesi europei, sono ancora le mail a scopo di marketing lo strumento più usato, ma i social network sono sempre più visti come potenziali strumenti di marketing.

Fra i vantaggi spiaccano su tutti l'aumento della brand awareness, la fidelizzazione dei clienti e i buoni risultati nella promozione dei prodotti. Secondo la ricerca, i Paesi leader nell’utilizzo dei social network per l’attività di marketing e comunicazione sono Spagna e Regno Unito, mentre in Italia il 37% dei marketer dichiara di averli già integrati nel marketing mix online.

Ciò che spinge le aziende a utilizzare il Social Media Marketing sono diversi: nel 50% dei casi vengono usati per la promozione di nuovi prodotti, l'aumento della brand awareness e della fidelizzazione e a seguire c'è la lead generation (49%).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il