BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra finanziaria:ticket sanità, età pensioni, turn over, stipendi dipendenti pubblici, scuola

Le novità della manovra finanziaria 2011



Inizialmente prevista da 43 miliardi, la nuova manovra finanziaria dovrebbe valerne 47 da qui al 2014.: due miliardi subito per coprire le spese inderogabili, circa 5 sul 2012 e 20 sia su 2013 sia su 2014.

Tra le misure più importanti, colpiti i dipendenti pubblici, pensioni in aumento progressivo e ritorno dei ticket sanitari. Dal 1 gennaio 2012 torna, infatti, il ticket sanitario da dieci euro per le visite specialistiche ambulatoriali e di 25 euro per i codici bianchi al pronto soccorso.

La bozza prevede, inoltre, un taglio del tetto previsto per la spesa territoriale per i medicinali dal 13,3% al 12,5% e dal 2014 misure di compartecipazione da parte del cittadino. Per quanto riguarda l’età pensionabile, la bozza prevede l'aumento progressivo dell'età pensionabile delle donne fino a 65 anni a partire dal 1 gennaio 2012, per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici autonome il requisito anagrafico di 60 anni per l'accesso alla pensione di vecchiaia è aumentato di un anno.

Un altro aumento di un anno è previsto dal primo gennaio 2014 e un ulteriore anno per ogni biennio successivo fino al raggiungimento dei 65 anni. Dal primo gennaio 2012, inoltre, la pensione di reversibilità è ridotta, nei casi in cui il matrimonio tra badanti e anziani sia stato contratto ad età del medesimo superiori a 70 anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a 20 anni, del 10% per ogni anno di matrimonio mancante rispetto al numero di 10.

Previsto anche il blocco del turn over e la proroga fino al 31 dicembre del 2014 delle retribuzioni per i dipendenti della pubblica amministrazione. Il blocco dei trattamenti economici anche accessori del personale delle pubbliche amministrazioni prolunga di un anno lo stop oggi previsto fino a dicembre 2013.

Il blocco del turn over per un altro anno riguarda anche le amministrazioni dello Stato, con l'eccezione dei Corpi di polizia, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, delle agenzie fiscali e degli enti pubblici non economici. A essere interessati dai provvedimenti per la razionalizzazione della spesa saranno tutti i soggetti pubblici, tranne Regioni e Province autonome ed enti del Servizio sanitario nazionale. Previste nuove risorse per finanziare le missioni all'estero fino al 31 dicembre del 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il