BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Benzina in aumento: prezzi salgono oggi per nuova tassa su emergenza immigrati

Prezzi carburanti di nuovo alle stelle



In arrivo nuovi rialzi sui prezzi dei carburanti: smentita la notizia di qualche giorno fa secondo cui gli stessi avrebbero dovuto subire cali per la fine del mese di giugno, ora gli automobilisti si ritrovano a dover ‘scontare’ l'emergenza immigrati.

L'agenzia delle Dogane annuncia infatti un immediato aumento di 4 centesimi sul prezzo dei carburanti per finanziare gli oneri dello stato di emergenza determinato dall'eccezionale afflusso di cittadini appartenenti a paesi del Nord Africa. Gli operatori si sono adeguati alla novità già da questa mattina e già questa mattina le compagnie petrolifere aumentano i prezzi raccomandati di verde e diesel di 4,8 centesimi al litro.

L'unica eccezione è rappresentata per il momento da Tamoil e TotalErg che hanno applicato rispettivamente un rincaro di 4 e 3,8 centesimi. Dal primo luglio poi entrerà in vigore a tutti gli effetti la tassa sul cinema che farà salire il prezzo di benzina e diesel di altri 0,19 centesimi/litro, come stabilito dal governo in primavera con il decreto omnibus per finanziare lo spettacolo.

Dal monitoraggio di quotidianoenergia.it, la media per la benzina (in modalità servito) va dall'1,576 euro al litro degli impianti Eni all'1,593 euro al litro dei punti vendita Shell (no-logo a 1,484), per il diesel si passa dall'1,455 euro al litro delle stazioni di servizio Eni all'1,479 euro al litro degli impianti Shell (no-logo a 1,362), il GPL si posiziona tra lo 0,740 euro al litro dei punti vendita Eni allo 0,756 degli impianti Shell (a 0,728 le no-logo).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il