BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Spesometro dal 1 luglio: istruzioni. Scontrino con codice fiscale per importi superiori a 3600 euro

Entra in vigore da domani il nuovo spesometro: come funziona



Al via da domani, venerdì primo luglio, l'entrata in vigore del nuovo spesometro 2011. Tante le novità ai nastri di partenza: innanzitutto per acquisti di importo superiore ai 3.600 euro sarà necessario esibire il codice fiscale, i commerciante registrerà i dati e invierà gli estremi dell'operazione all'Agenzia delle Entrate.

La comunicazione non sarà necessaria se il pagamento viene effettuato con carte di credito, carte prepagate o bancomat. Nel mirino, dunque, soprattutto i pagamenti in contanti e anche quelli effettuati tramite assegno o bonifici bancari.

Per ogni tipo di operazione, acquisto di un bene o di un servizio, dovrà essere specificata la partita Iva o il codice fiscale sia di chi vende che di chi acquista; dovrà essere specificato l'importo dell'operazione effettuata, evidenziando l'imponibile e l'imposta o specificando che si tratta di operazioni non imponibili o esenti.

Per le operazioni per le quali non c'è obbligo di fattura, vanno riportati i corrispettivi comprensivi dell'Iva. I turisti che invece effettuano in Italia un acquisto di costo superiore ai 3600 euro, non residenti e privi di codice fiscale, dovranno riportare il cognome e il nome, il luogo e le data di nascita, il domicilio all'estero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il