BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui con tassi di interesse rate a Giugno e Luglio 2011 più alti causa Euribor

Salgono i tassi dei mutui, cresce l'Euribor: la situazione



Cresce ancora il valore del mercato del mattone: l'Euribor viaggia ai massimi da oltre due anni, quello a 3 mesi valeva ieri l'1,54% (1,32% per la scadenza a un mese), livelli che non si vedevano dal marzo 2009 e questa non è certamente un buona notizia per le famiglie con un mutuo a tasso variabile, che proprio in questi giorni, in concomitanza con la fine del mese, del trimestre o addirittura del semestre, si vedono addebitare rate più elevate del 5-7% rispetto a un anno fa.

L'Euribor segue l’andamento del costo del denaro della Banca centrale europea (Bce), che ha aumentato i tassi dall'1% all'1,25% in aprile e si appresta a nuovi rialzi. Colpa delle difficoltà della Grecia e delle possibili ripercussioni sulla stabilità dell'intero sistema finanziario europeo, che non gode di ottima salute.

Ed ecco che i tassi Euribor salgono ogni giorno, i rendimenti impliciti dei contratti future sulla scadenza a 3 mesi proiettano i tassi interbancari all'1,72% a settembre, all'1,86% a dicembre e al 2,17% a fine 2012. Valori inferiori di 40-70 punti base rispetto a quelli che si prevedevano a marzo, quando la Bce sembrava avviata verso un ciclo di strette monetarie. Se le indicazioni fossero confermate, l'aumento delle rate nell'arco dei prossimi 12 mesi potrebbe arruvare al 4-5%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il