BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rimborsare mutuo in anticipo: quando conviene?

La convenienza del rimborso mutui: i casi



Estinguere un mutuo appena si può non è sempre la scelta migliore per chi deve ancora pagare rate. Spesso, infatti, accade che molte famiglie indebitate non appena dispongono di una piccola somma pensano di rimborsare in parte o tutto il debito residuo.

Nel momento in cui si pensa di attuare una simile operazione è bene considerare tre diverse ipotesi: innanzitutto che in un mutuo a tasso fisso, senza penali per l'anticipata estinzione e per cui non si abbia diritto alle detrazioni fiscali, estinguere il mutuo significa investire la liquidità impiegata al medesimo tasso del mutuo e l'operazione oggi appare consigliabile.

I fissi stipulati negli ultimi quattro anni sono pressoché tutti tra il 5 e il 6%, rendimenti difficili da ottenere impiegando i risparmi accumulati con investimenti obbligazionari sicuri. Nel caso in cui bisognasse pagare penali, invece, il loro costo va considerato come parte integrante dell'investimento e in questo caso la convenienza si abbassa leggermente, perché la penale massima può arrivare all'1,9% del debito residuo.

Estinguere un mutuo a 15 anni con debito residuo da 100mila euro al tasso nominale del 5,5% e con la penale massima equivale a investire 101.900 euro al 4,96%. Infine, se per il mutuo si ha diritto anche a ricevere le agevolazioni fiscali prima casa (il 19% di detrazione su un massimo di 4.000 euro l'anno sulla quota interessi delle rate) bisogna considerare l'esborso mensile al netto della detrazione e la performance dell'investimento si abbassa ancora.

Prendendo il caso di un mutuo da 100mila euro a estinguere al 5,5% e 26 anni residui equivale a investire al 4,12% e la convenienza dell'operazione scende perché questo è un tasso che con i titoli di Stato decennali oggi si può ottenere. Stesso discorso per i finanziamenti a tasso variabile.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il