BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pannelli solari più leggeri e sottili con nanotecnologie

In arrivo pannelli solari ultraleggeri realizzati grazie alle nanotecnologie: il progetto



In arrivo nuovissimi pannelli solari ultraleggeri realizzati grazie alle nanotecnologie. I nuovi pannelli sono ottenuti con celle solari talmente piccole da poter essere sospese in un liquido, sono stati realizzati da ricercatori australiani, sono composti di nanocristalli con diametro di pochi milionesimi di millimetro e utilizzano appena l'1% dei materiali necessari per i pannelli convenzionali.

I nanocristalli sono particelle semiconduttrici di un materiale detto cadmio telluride, che ha forti capacità di assorbimento della luce. Grazie alle loro dimensioni microscopiche, le particelle rimangono sospese nella soluzione e possono essere così applicate su una varietà di materiali.

Asciugandosi, gli strati di nanoparticelle formano una pellicola e depositando diversi strati di pittura si possono correggere le irregolarità che possono comparire durante il processo di asciugatura. Il risultato è una pellicola densa e uniforme, ideale per formare pannelli solari ultraleggeri.

La tecnologia brevettata è basata su inchiostri con nanocristalli: scegliendo la giusta combinazione di inchiostro e superficie (vetro, plastica o metallo che sia) è possibile creare cellule solari efficienti usando pochissimo materiale o energia. I ricercatori hanno spiegato che i nuovi pannelli possono essere integrati negli edifici durante la costruzione e diventare parte delle finestre o del tetto.

Il progetto dei nuovi pannelli solari è stato messo a punto in Australia, nell'università di Melbourne, dal gruppo coordinato da Brandon MacDonald, con il sostegno dell'ente nazionale di ricerca Csiro e, secondo MacDoanld, le celle stampabili e flessibili potranno ridurre sostanzialmente il costo dell'energia rinnovabile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il