BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Software Ibm per produttività e gestione del lavoro presentati a Innovate 2011

Presentato nuovo software Ibm: come nasce e come funziona



Ibm, in occasione di Innovate 2011, ha presentato un nuovo software nato per aiutare le organizzazioni a collaborare in modo più efficiente e permettere ai team di sviluppatori di accedere rapidamente alle risorse in ambiente di sviluppo collaborativo aperto.

Il nuovo software Ibm è stato realizzato per aiutare le organizzazioni ad allineare lo sviluppo software al processo di business e alle attività operative nell'intera organizzazione, creando un forte legame tra pianificazione ed esecuzione.

Supportando la condivisione e l'interazione tra i team di progettazione e sviluppo di software e sistemi, il nuovo software dà la possibilità agli sviluppatori di interagire rapidamente, condividendo i dati all'istante da qualsiasi fonte nel processo di sviluppo e sostiene le organizzazioni i diversi modi di sotto spiegati: si parte con il Collaborative Design Management, che permette ai team di integrare la progettazione con altri task e informazioni di sviluppo, quali requisiti, codice e risorse di gestione della qualità, per cui i componenti dei team e le altre parti interessate possono così rivedere, apportare e modificare progetti di soluzioni, con una trasparenza totale per ogni partecipante al progetto.

Si passa dal Collaborative Lifecycle Management che aiuta i team di sviluppo software a migliorare la produttività offrendo una soluzione integrata di Application Lifecycle Management (Alm), per evitare ritardi del progetto, bassa qualità o sforamento del budget.

E si arriva al Collaborative Development and Operations, che raccoglie le nuove tecnologie, come il cloud computing, l'ottimizzazione del carico di lavoro hardware e lo sviluppo agile richiedendo alle attività operative di lavorare a un livello di contatto senza precedenti. Ibm ha creato una nuova integrazione tra molte delle sue principali offerte software, per aiutare a colmare il divario culturale tra i team di sviluppo e i team operativ, permettendo la rilavorazione ai progetti attraverso processi standardizzati e l'automazione per il rilascio del software e per migliorare l'identificazione e la correzione degli eventuali problemi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il