BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Puglia software Opensource in regione: risparmi per 1 mln di euro

Il presidente Vedonola presenta il ddl che fa cadere il monopolio delle multinazionali



E’ stato presentato a Bari il ddl per l'adozione di hardware e software liberi da parte di agenzie, enti ed imprese, a cui i cittadini pugliesi potranno accedere in maniera gratuita grazie a tecnologie open.

Si chiama ‘Norme su software libero, accessibilità di dati e documenti ed hardware documentato’ ed è stato dal presidente della Regione Puglia Nichi Vendola insieme all'assessore regionale alla Comunicazione istituzionale, Nicola Fratoianni, per offrire a tutti i cittadini pugliesi la possibilità di accedere a dati e informazioni senza spesa alcuna, grazie a prodotti informatici gratuiti.

Il ddl si propone di trasformare i vari meccanismi di lavoro, e soprattutto di accesso ai sistemi informatici, di agenzie e società, oltre che di enti e istituzioni. Il software libero rappresenta una possibilità importante per le amministrazioni pubbliche e per i cittadini di godere del diritto a comunicare e ad essere informati senza pagare l'accesso al circuito informativo e comunicativo. La Puglia è tra le prime Regioni in Italia a tentare questa rivoluzione che vuole abbattere le barriere digitali, anche se non è semplicissimo da attuare per l'enorme potere economico delle multinazionali dell'informatica che regolano il mercato.

“In questo modo, ha spiegato Fratoianni, potremo mettere a disposizione degli utenti e delle altre amministrazioni il software e i codici per gestirlo, in modo che ciascuno sia libero di usare il programma e anche di migliorarlo adattandolo alle proprie esigenze”.

La Regione, che potrebbe in questo modo risparmiare un milione di euro all'anno di licenze per i propri sistemi operativi, potrebbe usare software scaricati dalla rete per scrivere o salvare il testo di una delibera. L'utente riuscirebbe comunque a leggerla perché, anche nel caso in cui non avesse il software, comparirebbe il link per scaricarlo gratuitamente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il