BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra Finanziaria 2011 approvata venerdì. Cosa dovrebbe cambiare e ultime novità

Le novità della manovra: approvata venerdì



“La nuova manovra finanziaria sarà approvata entro venerdì e sarà rafforzata su tutto il quadriennio”, così il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha aperto il suo intervento all'Assemblea dell'Abi.

La manovra, rivista e rafforzata dopo l'attacco speculativo ai titoli di Stato italiani, promettere di imprimere una forte accelerazione alla politica delle privatizzazioni (vendita di aziende di stato e municipalizzate) e delle liberalizzazioni (aumento del tasso di concorrenza sui mercati).

Per le privatizzazioni, non è escluso che vengano collocate nuove quote dei colossi di Stato come l'Eni, l'Enel e la Finmeccanica dai quali fino ad oggi lo stato ha raccolto ricchi dividendi. Ma la nuova politica di privatizzazioni riguarderà soprattutto le municipalizzate, a partire da una clausola speciale all'interno del patto di stabilità per spingere i Comuni ad agire.

I Municipi che venderanno avranno premi, quelli che invece resisteranno saranno penalizzati. Le novità riguardano anche le liberalizzazioni di tutti i servizi e delle professioni: il governo dovrà indicare i settori che restano regolati e quelli che vengono liberalizzati e se non lo farà entro sei mesi scatteranno per tutti automaticamente le liberalizzazioni.

La manovra, inoltre, prevede  tagli alla politica, al blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici, confermato per il biennio 2012-2013 il blocco della rivalutazione delle pensioni dei trattamenti pensionistici superiore a cinque volte il trattamento minimo di pensione Inps e per le fasce di importo dei trattamenti pensionistici comprese tra tre e cinque volte il predetto trattamento minimo Inps l'indice di rivalutazione automatica delle pensioni è applicato nella misura del 45%.

Novità per quanto riguarda il bollo che si applica alle comunicazioni relative al deposito di titoli, che può salire fino a 380 euro se ha un ammontare complessivo a cinquantamila euro. L'importo varierà in base al conto: dai 120 euro annuali per le comunicazioni di intermediari finanziari ai 150 per i conti inferiori ai 50 mila euro relativi a comunicazioni di depositi titoli presso banche, fino ai 380 euro annuali se si supera questa soglia.

Per quanto riguarda il pubblico impiego, invece, prorogato di un anno il blocco del turnover. Esclusi dal provvedimento i corpi di polizia e del corpo nazionale dei vigili del fuoco. Previsto anche congelamento degli aumenti degli stipendi fino al 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il