BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra Finanziaria 2011:novità Pensioni, ticket sanitari, tassa benzina, bollo depositi.Cambi testo

Le ultime novità della manovra in approvazione venerdì



Arriva il pacchetto di modifiche alla manovra finanziaria 2011, prima dell’approvazione prevista per venerdì. Novità in arrivo su pensioni, ticket sanitari, patto di stabilità e stock option.

Per quanto riguarda le pensioni, è anticipato al primo gennaio 2013 l'aggancio delle pensioni all'aspettativa di vita. Dal 2013 dunque l'incremento sarà di 3 mesi. I lavoratori che matureranno i requisiti per la pensione di anzianità nel 2012 dovranno posticipare di un mese il loro collocamento a riposo.

Sale inoltre dal 45 al 70% l'indice di indicizzazione delle pensioni medie, ammontanti a circa il triplo degli assegni minimi mentre viene confermata la piena indicizzazione per quelle inferiori a quella soglia e l'azzeramento per quelle superiori a cinque volte il minimo.

Previsto, infine, un contributo di solidarietà fino al 2014 per le cosiddette pensioni d'oro, cioè superiori ai 90 mila euro annui. Il contributo ammonta al 5% per la parte eccedente i 90.000 euro, e del 10% per la parte eccedente i 150.000 euro. Altra novità riguarda il capitolo ticket: si pagheranno 10 euro sulle ricette mediche e 25 per gli interventi del pronto soccorso in codice bianco.

Questa novità sarà in vigore già da lunedì. Le novità della manovra confermano anche gli aumenti delle aliquote delle accise disposte il 28 giugno 2011 a decorrere dal primo gennaio 2012.

Cambia, infine, l'imposta di bollo sul dossier titoli: l'imposta con periodicità annuale sarà di 34,2 euro per importi inferiori ai 50mila euro; 70 euro per importi pari o superiori a 50mila euro e inferiori a 150mila euro; 240 euro per importi pari o superiori a 150mila euro e inferiori a 500mila euro; 680 euro per importi pari o superiori a 500mila euro.

A partire dal 2013, l'imposta con periodicità annuale sarà di 230 euro per importi pari o superiori a 50mila euro e inferiori a 150mila euro, di 780 euro per importi pari o superiori a 150mila euro e inferiori a 500mila euro e di 1.100 euro per importi pari o superiori a 500mila euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il