BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aziende Internet e tecnologiche quotate in Borsa 2011-2012:rischio nuova bolla?Commento di Komisar

Il rischio di una bolla lo i scopre solo se essa esplode: l'opinione di Kosimar sul fenomeno aziende internet



Il boom di aziende tecnologiche innovative, capaci di conquistare il mercato, con ricavi record è reale, i maggiori finanziamenti si registrano nei settori delle biotecnologie, dell’energia verde (settore in futuro conoscerà una grande crescita) e della farmaceutica.

L’unico rischio potrebbe essere rappresentato dai social media. A sostenere questa teoria uno dei guru più famosi dell'hi-tech, Randy Komisar, che da oltre 25 anni fa l'imprenditore e il venture capitalist lanciando startup tecnologiche.

Komisar ha spiegato a CorrierEconomia che è vero, come ha scritto qualche giorno fa il Wall Street Journal, che sta crescendo con il nuovo boom dell’high-tech e alcune dot.com fanno festa come nel 1999, perché, spiega, fra le Internet company rivolte ai consumatori, la battaglia per è tale da spingere al rialzo compensi e incentivi di tutti i tipi e questo processo mostra anche quanto è difficile per società come Facebook, Twitter o Groupon crescere: devono assumere un sacco di ingegneri e altri specialisti del web.

Ma sul rischio di una presunta nuova bolla ritiene che se c'è una Bolla lo si sa solo quando scoppia, puntando il dito essenzialmente contro le stratupe dei social media, dove la competizione è realmente eccessiva, ma rassicurando anche che la maggior parte degli investimenti nella Silicon Valley riguarda altri settori, come bio-tech, farmaceutica, green-tech.

Alla domanda se le ultime Ipo siano sopravvalutate, Komisar risponde dicendo che ritiene sia tutto relativo e che dipende dalle aspettative. Bisogna chiedersi quanto crescerà un business, quanto in fretta e con quali rischi. Se si crede che Facebook fra dieci anni sarà grande e redditizia come o più di Google, allora il suo valore potenziale oggi è enorme, ma di certo ci sono secondo lui altre realtà decisamente sopravvalutate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il