BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pubblicità Internet in Italia 2011: la metà va a Google. La sfida di Facebook

Facebook guadagna posizioni nella scalata alla supremazia sul web: l'importanza della pubblicità



Il mercato della pubblicità su Internet è l’unico sempre in crescita in Italia, registrando un +18% nel primo quadrimestre, secondo i dati Nielsen, e di questo circa la metà va a un solo operatore: Google. O meglio, andava. Perché ora il colosso BigG deve affrontare un competitor sempre più minaccioso, Facebook. Con 20 milioni di utenti registrati in Italia, il social network sta, infatti, acquistando posizioni importanti.

Si stima che Google ricavi dal mercato italiano circa 500 milioni di euro e, con circa 110 dipendenti nel nostro Paese, è diventata in pochi anni la quinta concessionaria di pubblicità lavorando su ogni mezzo digitale possibile: il motore di ricerca, YouTube, le mappe e i display sugli altri siti web. Ma questa sua supremazia viene oggi insidiata dal social network più popolare del mondo.

Le stime indicano che, dopo poco più di un anno di attività, Facebook raccolga in Italia circa 55 milioni di euro di pubblicità e le previsioni annunciano una crescita rapidissima.

Uno dei punti di forza del sito fondato da Mark Zuckerberg è che le aziende possono sviluppare su Facebook comunità di marchi in modo gratuito, creando anche un dialogo con i clienti e recepirne così opinioni, impressioni e anche critiche, che possono essere uno stimolo ad una migliore gestione dell’azienda stessa. Come, dunque, cambierà, se cambierà, il modo di fare pubblicità sul web?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il