BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ibm e Apple: ottime trimestrali. I motivi

Utili e ricavi trimestrali ottimi per Ibm ed Apple



Utili e ricavi trimestrali ottimi per Ibm ed Apple. Ibm ha, infatti, annunciato di avere chiuso il secondo trimestre con un giro d'affari in salita del 12% a 26,7 miliardi di dollari, superando le attese del mercato pari a 25,4 miliardi. In crescita le vendite di software del 17%, 3,9 miliardi di dollari sono stati registrati dall’area middleware, che include WebSphere, Tivoli, Lotus e Rational, registra un incremento del 21% a 3,9 miliardi di dollari.

L’area hardware segna ricavi in crescita del 17% a 4,7 miliardi di dollari, con un utile di 393 milioni di dollari. In crescita anche il segmento servizi, con un incremento del 10% rispetto allo scorso anno, mentre gli utili nel periodo in esame sono saliti dell'8% a 3,7 miliardi, pari a 3 dollari per azione.

I vertici di Ibm prevedono per l'intero anno un Eps pari a 13,25 dollari. Ottimo trimestrale anche per la società di Cupertino che raddoppia gli utili ed anche di più. Apple ha visto, infatti, i profitti crescere a 7,31 miliardi di dollari, 7,79 dollari per azione, rispetto ai 3,25 miliardi di dollari, 3,51 dollari per azione, riportati nello stesso periodo dello scorso anno.

Nel terzo trimestre fiscale, il giro d'affari di Apple è cresciuto dell'82% a 28,6 miliardi di dollari, superando le aspettative degli analisti che si attendevano utili per 5,80 dollari per azione su un fatturato di 24,9 miliardi di dollari. I risultati dell'azienda di Steve Jobs riflettono il successo dei dispositivi Apple.

A trainare l’inarrestabile crescita iPad e iPhone: nel terzo trimestre fiscale dell'anno, Apple ha venduto 20,34 milioni di iPhone (un balzo del 142%) e 9,25 milioni di iPad (+183%). Bene anche le vendite di che hanno registrato una crescita del 15% rispetto al secondo trimestre fiscale dell'anno, mentre sono calate le cessioni di iPod del 20% a 7,54 milioni di dispositivi venduti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il