BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero 22 luglio metropolitane, treni, autobus: orari città. Aggiornamenti

Venerdì nero per i trasporti. Sospeso però lo sciopero dei benzinai



Venerdì nero per i trasporti i tutte le città a causa dello sciopero di treni, autobus, metropolitane e tram, indetto dai sindacati Cub trasporti/Al Cobas, Filt-Fit-Uilt-Orsa-Ugl-Faisa-Fast, nelle maggiori città italiane a sostegno della vertenza per il nuovo contratto della mobilità, che interessa oltre 200 mila addetti, da tre anni in attesa di rinnovo.

Lo sciopero è iniziato ieri sera alle 21 con lo stop delle ferrovie e oggi è scattato anche lo sciopero del trasporto pubblico locale, a partire dalle prime ore del mattino.

Lo sciopero del trasporto pubblico locale delle principali città è in vigore a Roma dalle 8,30 alle 17,30 e dalle 20 a fine servizio; a Milano dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio; a Napoli dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio; a Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio; a Venezia-Mestre dalle 9 alle 16,30 e dalle 19,30 a fine servizio; a Genova dalle 9,30 alle 17 e dalle 21 a fine servizio; a Bari 8,30-12,30 e dalle 15,30 a fine servizio; a Palermo dalle 8,30 alle 17,30; a Cagliari dalle 9,30 alle 12,45, dalle 14,45 alle 18,30 e dalle 20 alla fine del servizio.

Per quanto riguarda i pendolari, Fs informa che durante lo sciopero circolerà circa il 67% dei 540 treni a lunga percorrenza previsti e, per quanto riguarda trasporto regionale, saranno effettuati i servizi essenziali nelle fasce a maggiore mobilità pendolare (dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21 del 22 luglio).

Assicurato comunque il collegamento tra Roma e l'aeroporto di Fiumicino, con il Leonardo Express o con pullman sostitutivi. Per ricevere assistenza o informazioni si può contattare un numero verde (800 892021) per fornire assistenza.

E’ stato, invece, sospeso lo sciopero dei benzinai previsto per i giorni 26 e 27 luglio, indetto dal Coordinamento Nazionale Unitario di Faib e Fegica per contestare misure del governo che rafforzano il monopolio dei petrolieri, per sostenere l'iter parlamentare della riforma del settore e consentire di abbassare i prezzi dei carburanti su tutta la rete.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il