BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui a tasso fisso più richiesti dopo rialzo tassi interessi 2011

Cresce la richiesti di mutui a tasso fisso: cosa sta cambiando



Se fino a qualche tempo fa, nonostante il primo rialzo dei tassi stabilito dalla Bce, a chi doveva accendere un nuovo mutuo veniva comunque consigliato ancora il variabile, sempre più conveniente, oggi la situazione sembra cambiata e si fa sempre più strada l’idea che scegliere un mutuo a tasso fisso sia decisamente meglio.

A confermare questa nuova tendenza gli ultimi dati di Mutui Online, società di mediazione creditizia attiva sul web, per cui i mutui a tasso fisso hanno rappresentato nel primo semestre del 2011 il 47% delle erogazioni, in aumento dal 32,7% del semestre precedente e più che raddoppiati rispetto a un anno prima.

Il variabile con cap si attesta al 25,2%, dal 23,4% del secondo semestre e dal 30% del primo semestre 2010, mentre resta stabile il tasso misto: al 2,3% dal 2,4% registrato tra giugno e dicembre dello scorso anno (era al 4,8% nel primo semestre 2010).

Nonostante la convenienza attuale del tasso fisso, indicato soprattutto per chi ama esser sicuro, tra le migliori soluzioni proposte su Mutuisupermarket.it emerge che a parità di spread, 1,15% il miglior fisso a 20 anni su un mutuo di 150mila euro si traduce in una rata di 967 contro gli 806 del variabile, ma nei prossimi 3-4 anni gli Euribor sono destinati lentamente ad aumentare.

L'Euribor (tasso cui si rifanno i variabili) a 3 mesi, oggi all'1,6% arriverà secondo i mercati a dicembre 2015 al 3,2% (quindi vicino ma sempre più basso rispetto all'attuale Irs a 20 anni). L’importo medio dei mutui erogati è pari a 127.684 euro, in discesa dai 133.188 del semestre precedente.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il