BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cellulari e chiavette 4g: Telecom Italia, Vodafone, 3 Italia, Wind, Linkem all'asta

Presentate le domande dai 5 big delle Tlc. Fuori Poste Mobile.



Saranno cinque i partecipanti alla gara per l’accaparramento delle frequenze 4G già accreditati dal Ministero dello Sviluppo Economico: Telecom Italia, Vodafone, Wind, 3Italia e Linkem. Fuori dalla gara Poste Mobile. E del resto non c'è da meravigliarsi se si corre così tanto per il 4G.

Due i motivi principali: innanzitutto il 4G porterà sui dispositivi mobili una banda in grado di raggiungere addirittura i 100Mbps, cambiando così in modo sostanziale il modo di pensare alla connettività mobile; la’ltro motivo è più che altro di natura economica, considerando che l’asta significa una voce di introito estremamente importante per il governo, che proprio su questa gara ha puntellato parte delle ultime manovre finanziarie.

Oggetto della gara sono le frequenze 800, 1800, 2000 e 2600, che saranno divise in blocchi, per un totale di 255 Mhz, vale a dire, come ha spiegato il ministero dello Sviluppo economico, “la più grande capacità di spettro messa a gara in Italia.

Con l’attivazione della procedura di gara, l’Italia sarà tra le prime nazioni europee ad assegnare le suddette frequenze all’industria della telefonia mobile, aprendo di fatto la strada all’era del 4G e riaffermando il primato italiano nel panorama mondiale di questo settore”.

I partecipanti alla gara entro fine agosto dovranno presentare le proprie proposte e il 30 agosto saranno aperte le buste saranno e si saprà chi avrà la possibilità di aggiudicarsi la licenza per l’uso delle frequenze ambite.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il